“Building Security for Business Integration”: Corso di formazione manageriale della Link Campus University

security

La Scuola universitaria per la formazione politica “Polis” della Link Campus University ha aperto le iscrizioni al corso di formazione manageriale “Security Management – Building security for business integration”.

Nato dalla collaborazione con Gecom SpA e l’Associazione Laboratorio per la Sicurezza, il corso, grazie ad un approccio moderno ed innovativo, è stato strutturato per dare il massimo risalto e valore alle “Politiche e Processi della Security”, sia all’interno delle organizzazioni istituzionali che aziendali, al fine di consentire alla futura classe dirigenziale e politica di intercettare la realtà nel suo divenire ed essere così pronta per le future sfide che essa ci presenterà.

Durante il periodo formativo, affidato a qualificati esperti di settore, sono state inoltre programmate alcune esperienze di laboratorio con l’utilizzo anche di “realtà virtuale immersiva” di ultima generazione, con cui sarà possibile effettuare efficaci esperienze di simulazione.
Tutto questo consentirà ai frequentatori, ai quali verrà rilasciato al termine un attestato di conseguimento corso, con riconoscimento di cfu (crediti formativi universitari), di superare i propri confini, gestendo con strumenti, competenze e professionalità l’inevitabile mutamento socio-politico ed economico in atto.

Coloro che risulteranno poi in possesso dei requisiti curriculari, potranno ottenere da un ente abilitato, la relativa certificazione UNI 10459:2017 – “Funzioni e Profilo del Professionista della Security” .

In considerazione delle ragioni che hanno spinto la Scuola ad organizzare un tale ambizioso progetto formativo, Paola Brienza, direttore di Polis, ha tenuto a sottolineare che: “Polis è una Scuola che si occupa sia di “Politica” nel senso stretto del termine, sia di “Politiche” che governano i settori della società. In questa ottica, ci è sembrato interessante un corso sulla security, che illustri le direttive politiche, il quadro normativo di riferimento e suggerisca nuove idee di stimolo per la riflessione della Politica”.

Parallelamente, Felice Ferlizzi, presidente del CESPIS (Centro Studi di Prevenzione, Investigazione e Sicurezza), già Direttore dell’Ispettorato di Pubblica Sicurezza “Viminale” e Direttore dell’Ufficio Centrale Ispettivo, Ministero dell’Interno, in qualità di responsabile del corso, ha dichiarato: “Il concetto di sicurezza, soprattutto in un paese come il nostro, caratterizzato da una spiccata attività imprenditoriale, asse portante del sistema economico, deve essere inteso come sintesi di un processo di individuazione ed analisi del “rischio”, affidato ad esperti di settore in possesso di elevato know how. Per raggiungere tali importanti risultati, sono stati individuati oltre che a docenti di notevole spessore accademico ed esperti di settore, figure istituzionali e politiche di altissimo profilo”.

Anche il presidente del Laboratorio per la Sicurezza Giuseppe Mastromattei, coordinatore del corso, ha inteso esprimere la propria soddisfazione, “Finalmente l’innovazione nella formazione, un approccio moderno ed integrato del Security Management: oltre la sicurezza, per essere capaci di proteggere il business, bisogna farne parte.
Questo è quanto necessita a chi decide di formarsi per iniziare questa professione”.